Categorie
ART

– INANNA ( THE QUEEN OF THE NIGHT ) –

Oggi ho una tale fame di Storia che desidero condividere con voi, viaggiando indietro nel tempo, aleggiando sui cieli mesopotamici. Riscopriamo Inanna.

Inanna ( immagine conservata al British Museum di Londra )
 

Inanna ( la dea del cielo e dell’amore e della notte ) “The Queen of the night” denominata successivamente “Ištar” dagli Accadi, dagli Assiri e dai Babilonesi, è identificata successivamente dagli Ittiti con “Šauška”, “Astarte” dai Fenici. [L’iconografia della dea è associata anche alla stella a otto punte, la dea più popolare di tutta la mezzaluna fertile] Considerata come una delle più importanti divinità di tutto il vasto Pantheon mesopotamico. Attraverso le opere scritte dalla poetessa Enheduanna (2.285-2.250 a.C.), figlia del Re Sargon, Inanna fu assimilata ad Ishtar e identificata come una divinità della vegetazione e della rinascita. Associata al pianeta Venere. Si pensa anche che in molti miti su Inanna, tra cui Discesa di Inanna agli Inferi e Inanna e Shukaletuda, i suoi movimenti corrispondono con i movimenti di Venere nel cielo. Quest’immagine è una riflessione dei Sumeri sul passato matriarcale e sulla transizione al patriarcato nel ciclo mitico della dea Inanna, l’ evoluzione della dea madre. Il mito racconta che la dea Inanna si impossessò dei “me” della conoscenza (i me nella mitologia sumera sono le leggi e le pratiche alla base della civiltà) per lasciarli agli uomini. Come altra dimostrazione della propria virtù e del proprio coraggio discese persino negli inferi.

Inanna e l’albero di Huluppu

《Il Dr. Jeremy Black, storico e docente di Storia presso l’Università di Exeter, ha scritto : “Violenta e lussuriosa dopo aver ottenuto il potere, Inanna sta accanto ai suoi Re preferiti mentre essi combattono. In un poema sumero Inanna è descritta mentre lotta contro il “Monte Egih”. Il suo viaggio verso Eridu per ottenere i “ME” e la sua discesa nel mondo sotterraneo sono descritti come destinati ad accrescere la sua energia”》

Curiosità

Inanna era considerata come la dea a conoscenza dei segreti del cosmo e rivelatrice degli stessi, aveva il potere anche infondere arti e conoscenza a chi glieli chiede, in dono. Raffigurata sempre come dea riccamente abbigliata o completamente nuda.
I Suoi importanti santuari si trovavano a Zabala, Uruk e in Babilonia.
Dea indipendente e mai accasata, nè dominata da alcuno, tanto quanto era il suo magnetismo. innamorata via via di diversi pastori, tra cui Tammuz, e di un giardiniere, che furono poi condannati dalla dea stessa, trasformandoli in diversi animali. Dea Sempre in movimento, alla ricerca della sua casa e del suo potere.

Successivamente Il culto di Ištar si diffuse anche in Egitto durante la XVIII dinastia.

Spero d’avervi incuriosito un po’ su questa figura, a mio avviso, molto interessante.

@poeticamente_ElyGioia #pensieriscrittielygioia

Categorie
ART

– ART SECONDA PARTE ( SECOND PART ) –

Questa mattina ho iniziato a mostrarvi alcuni degli artisti che seguo ed amo di più nell’arte surrealista, digitale e non. Eccone altri che, a parer mio, meritano davvero d’esser conosciuti. Rullo di tamburi… Jean-Luc Olivier

This morning I started showing you some of the artists that I follow and love most in surrealist art, digital and otherwise. Here are others that, in my opinion, really deserve to be known. Drum roll … Jean-Luc Olivier

Artista nato nel 1964 e che scelse l’arte come modo per esprimere i suoi sentimenti e le sue emozioni. I suoi dipinti ad olio allegorici e acrilici riflettono la sua predilezione per un linguaggio simbolico. Nel corso degli anni si è dedicato anche alla pittura di ritratto ed in questa esperienza ha sviluppato il suo stile personale ritratto, caratterizzato da una colorazione quasi monocromatica in morbidi colori beige e marrone, su tele create appositamente. Jean-Luc Oliier da sempre ci mostra il suo interesse per l’era “Woodstock”. Come non apprezzare le sue opere?.

Artist born in 1964 and who chose art as a way to express his feelings and emotions. His allegorical and acrylic oil paintings reflect his fondness for a symbolic language. Over the years he has also dedicated himself to portrait painting and in this experience he has developed his personal portrait style, characterized by an almost monochromatic coloring in soft beige and brown colors, on specially created canvases. Jean-Luc Oliier has always shown us his interest in the “Woodstock” era. How can we not appreciate his works?

Ora è il momento di Jenny Munkler, autodidatta surrealista nata vicino al confine belga-lussenburghese nel 1948. Le sue opere sono realizzate con pittura acrilica e ad olio. Ecco alcune delle sue più belle illustrazioni!

Now is the time for Jenny Munkler, a surrealist self-taught born near the Belgian-Luxembourg border in 1948. His works are made with acrylic and oil painting. Here are some of his most beautiful illustrations!

I don’t know about you but this work gives me the idea of four seasons, represented in a post-modern key, in their different colors and characters. A bit like the four seasons of love. Non so voi ma quest’opera mi dà l’idea di quattro stagioni, rappresentate in chiave post-moderna, nei loro diversi colori e caratteri. Un po’ come le quattro stagioni dell’amore.

CATRIN WELZSTEIN artista dalle infinite sfumature. Surrealismo e magia, dolcezza ed umanità, fantasia e sogno. Le sue opere contengono vere e proprie storie, tra simbolo e resoconto onirico. L’artista Americana ( Californiana per la precisione ) è anche madre a tempo pieno. CATRIN WELZSTEIN artist of infinite shades. Surrealism and magic, sweetness and humanity, fantasy and dream. His works contain real stories, between symbol and dream account. The American artist (Californian to be precise) is also a full-time mother.



Una maestra nel campo della digital art. A teacher in the field of digital art.

E, per concludere questa seconda parte, ecco lei con le sue opere, sempre ricche di dettagli, che vengono raccolte da prestigiose collezioni pubbliche e private in tutto il mondo! Il suo stile è stato paragonato alle illustrazioni fotorealistiche di Audbon. Vi parlo di Adonna Kahre.

And, to conclude this second part, here is her with her works, always rich in details, which are collected from prestigious public and private collections all over the world! His style has been compared to Audbon’s photorealistic illustrations. I speak to you of Adonna Kahre.

Le sue opere sono disegni a matita in larga scala. His works are large scale pencil drawings.

His designs are not pre-programmed, but evolve through Khare’s experiences with people and the absurdities of life. The result is a group of drawings in which animals coexist in a world beyond ours and are inexplicably linked together, often not by choice.

I suoi disegni non sono pre-programmati, ma mutano attraverso le sue esperienze con le persone e tra le assurdità della vita. Il risultato è un gruppo di disegni in cui gli animali coesistono in un mondo oltre il nostro e sono inspiegabilmente legati insieme, spesso non per scelta.

Spero che anche questa seconda parte, dedicata a questo meraviglioso mondo dell’arte, vi sia piaciuta.

ElyGioia https://instagram.com/poeticamente_elygioia?igshid=1vkuu8tklofmw #pensieriscrittielygioia

https://www.youtube.com/channel/UCZfVMpHuBI05b9Uy-bOl_hQ

Categorie
ART

– ART PRIMA PARTE ( FIRST PART ) –

Eccoci qui, in questa calda mattinata, nel mio piccolo mondo. Conoscere è arricchirsi, perciò oggi ho deciso di viaggiare con voi attraverso l’arte. Vi è mai capitato di rimanere incantati davanti ad un quadro o ad una scultura? Io si, ed è sempre un’emozione a dir poco sublime. Amo la scrittura e ne ho fatto valvola di sfogo del cuore, ma quando mi perdo in un’illustrazione sento la mia anima slacciarsi dal corpo per iniziare un volo tutto nuovo. Dunque ho pensato di condividere alcuni dei miei illustratori preferiti ed alcune delle loro creazioni.

Here we are, on this warm morning, in my little world. Knowing is getting rich, so today I decided to travel with you through art. Have you ever been enchanted in front of a painting or a sculpture? I do, and it’s always a sublime emotion to say the least. I love writing and I have made it an outlet for the heart, but when I lose myself in an illustration I feel my soul untie from the body to start a whole new flight. So I thought I’d share some of my favorite illustrators and some of their creations.

Inizierò con Christian Schloe, artista Austriaco che unisce pittura, illustrazione e fotografia. Autore di molte opere digitali.

I will start with Christian Schloe, an Austrian artist who combines painting, illustration and photography. Author of many digital works.

Mi piace come riesce a trasmettere da ogni immagine sempre un altro mondo, quello interiore. M’incanta come viene rappresentata la natura, sempre collegata con un corpo che non smette di venerarla penetrando nella sua essenza.

I like how it manages to transmit from every image another world, the inner one. It enchants me as nature is represented, always connected with a body that never ceases to venerate it by penetrating into its essence.

Il secondo artista che desidero inserire nella mia “lista” è Aykut Aydogdu ed il suo universo cupo e sensuale. Nato ad Ankara è un illistratore che lavora per editori nazionali ed esteri e per agenzie pubblicitarie globali.

The second artist I wish to include on my “list” is Aykut Aydogdu and his dark and sensual universe. Born in Ankara, he is an illistrator who works for national and foreign publishers and for global advertising agencies.

Un genere che fa arrivare alla mente sempre un messaggio ben diretto, stuzzicando la fantasia degli occhi che lo contemplano. L’ultima illustrazione mi piace in particolar modo. È un po’ come aver scritto “dentro ad ogni bocca vi sono infinite parole, come nell’universo un’infinità di vite diverse, ma solo una lingua dolce sarà capace di accarezzarne e valorizzarne il senso.”ElyGioia.

A genre that always brings to mind a well-directed message, teasing the fantasy of the eyes that contemplate it. I particularly like the last illustration. It is a bit like having written “inside each mouth there are infinite words, as in the universe an infinity of different lives, but only a sweet language will be able to caress and enhance its meaning.”

Come non menzionare poi Stella Im Hutberg nata in Corea del Sud. “L’ illusione è anche un percorso di conoscenza”

How not to mention Stella Im Hutberg born in South Korea. “Illusion is also a path of knowledge”

Un melanconico sguardo al femminile che racconta l’animo fragile e forte allo stesso tempo. Attraverso queste opere riscopro la voglia estrema di una rinascita interiore che sboccia alla vita, quella stessa vita che spesso ci isola nella nostra solitudine.

A melancholy look to the female that tells the fragile and strong soul at the same time. Through these works I rediscover the extreme desire for an inner rebirth that blossoms to life, that same life that often isolates us in our solitude.

Un’altro grande illustratore è Oriol Angrill Jordà nato a Barcellona. La sua abilità più identificativa è che qualsiasi cosa usi è in grado di produrre un’immagine realistica.

Another great illustrator is Oriol Angrill Jordà born in Barcelona. His most identifying ability is that whatever he uses is capable of producing a realistic image.

E poi l’inconfondibile ed inimitabile Slava Fokk, artista Russo specializzato nella pittura surrealista navigando tra neoclaccisismo ed Art Deco. S’ispira al simbolismo Russo ed alla pittura ad olio della scuola Olandese.

And then the unmistakable and inimitable Slava Fokk, a Russian artist specializing in surrealist painting navigating between Neoclaccisism and Art Deco. It is inspired by Russian symbolism and oil painting by the Dutch school.

La bellezza di volti che emanano un carattere dalle infinite sfumature. Mi ci perdo in questi colori.

The beauty of faces that emanate a character with infinite shades. I get lost in these colors.

Benjamin Lacombe, autore ed illustratore Francese.

Benjamin Lacombe, French author and illustrator.

Una visione del mondo tutta particolare in ogni suo tratto. Opere che sembrano cercare di catturare ogni sguardo per incatenarlo al loro interno. Un abbandono stiloso di emozioni.

A particular view of the world in all its features. Works that seem to try to catch every glance to chain them inside. A stylish abandonment of emotions.

Ultimo in questo primo articolo, ma non d’importanza, è Davide Bonazzi autore dallo stile chiaro, concettuale e surreale. Artista bolognese che mira di creare soluzioni visive intelligenti per rappresentare argomenti complessi, nonchè immagini narrative e spiritose, come ha espresso nel corso di una sua intervista.

Last in this first article, but not of importance, is Davide Bonazzi author with a clear, conceptual and surreal style. Bolognese artist who aims to create intelligent visual solutions to represent complex topics, as well as narrative and witty images, as he expressed during an interview.

Spero d’aver suscitato, in questo sabato, nella vostra casa, un po’ di curiosità. Provate a soffermarvi almeno su una di queste illustrazioni, il tempo non ti sarà nemico in questo. Provate ad entrare nel suo significato e liberate ogni vostro pensiero. Se vorrete, potreteinserire qui nei commenti ciò che ne avete tratto. Credo che l’ispirazione sia il motore della propria arte, ognuno ha la propria, basta solo saperla ascoltare per viverla.

I hope I have aroused some curiosity in your home this Saturday. Try to dwell at least on one of these illustrations, time will not be an enemy in this. Try to get into its meaning and free your every thought. If you want, you can insert in the comments what you have drawn from it. I believe that inspiration is the engine of one’s art, everyone has their own, you just need to know how to listen to live it.

ElyGioia https://instagram.com/poeticamente_elygioia?igshid=1r204k3xlh233 #pensieriscrittielygioia

https://www.youtube.com/channel/UCZfVMpHuBI05b9Uy-bOl_hQ