– Creder(ci) –

Chiedeva a se stessa cosa avrebbe potuto scrivere ; cosa avrebbe potuto far uscire tra uno scorrere di parole ed un fluire di tiepide giravolte .

Il suo sguardo così fisso da ore , perso nel vuoto , inoltrato ed incastrato tra sentieri spinosi ; sembrava alla ricerca di cose già vissute .

Persino il velo che aveva in testa non riusciva a coprire quelle labbra semi aperte in cerca del loro respiro .

Il fatto è che non aveva rabbia , né niente di niente ; semplicemente non aveva , e questo suo non avere le costava gesti che sembravano incomprensibili .

In fondo perdeva più forze nel capire che nel farsi capire , lo sapeva bene , ma aveva una convinzione ; questo suo modo di pensare e d’essere , la portava a salvare ogni cosa buona ed ogni emozione dentro e fuori di sé .

Credeva che nel capire altri occhi , al di fuori dei suoi , c’era un serbare profondamente ciò che c’era .

Voleva solo proteggere , a volte tirando fuori le unghie , unghie con le quali era in grado di graffiare solo sé stessa .

All’improvviso era come non sapesse più parlare , come fosse solo in grado di stendere le mani ed aspettare ; aspettare che le fosse permesso semplicemente d’amare , nelle sue forme , forti ma fragilmente ancorate solo ed esclusivamente a ciò che le faceva battere il cuore .

E così , tappando la bocca dell’anima , continuava a crederci , fino in fondo ; crederci era tutto ciò che la faceva stare bene , si , aveva solo bisogno di crederci .

Per chi la vita ha dato molte bugie non è semplice , ma , lei , decise di seguire ciò che il suo cuore le diceva , costi quel che costi , diceva .

Lei scelse di credere .

@ElyGioia

Annunci

– Vapori che volano –

Si , farò volare il palloncino che fin da piccola tengo legato al polso .

Aspetterò che sia notte , per farlo , perché nessuno possa interrompere il suo volo ; desidero ti raggiunga , desidero tu possa toccarlo e lì potrò dire d’ aver ricevuto un’altra tua carezza .

Eppure le davo per scontate ; come sono cambiata , ora che l’ unica cosa scontata per me è lo scorrere dei giorni e delle notti .

Quando si perdono cose importanti s’impara a valorizzare anche il più piccolo gesto ; le perdite insegnano ad amare nel vero suo senso .

Cosa mi rimane sotto questo cielo e sopra questo mare ? Tu , rimani ?

C’è già chi ha voluto vivere la propria vita senza considerarne le conseguenze ; conseguenze laceranti , nelle quali si può toccare ancora un tenero ricordo vivo , finito , che inutilmente batte per se stesso e basta .

Il palloncino volerà .

Ho soffiato me stessa facendo evaporare ogni sentimento affinché possa sentire , almeno tu , quello che sono .

L’ho fatto perché so che non scapperai nemmeno sotto la pioggia , ma che cercherai di trarre ogni goccia di vapore per riunirla alle altre , affinché possa trasformarsi in un volto fatto di sorrisi .

E non importa quante onde ci possano separare ; so nuotare , non sono affondata fin’ora non lo farò certo oggi .

Ora che le parole donate a te sembrano essere state scritte a chi fin da piccola non le ha mai volute ascoltare ;

Ecco , il cuore ringrazia perché ora sono state rese libere di volare , fuoriuscite dal loro labirinto , grazie a te .

È arrivata la sera .

Lo vedi ? Sta per arrivare e raggiungere il tuo balcone , afferralo , scoppialo e leggi tutto ciò che ne ho riposto dentro .

Un palloncino al quale ne seguirà un altro , se solo me lo chiederai .

@ElyGioia

– Ad Alta Voce –

Ad alta voce ; non ci sono sottofondi adatti , solo una voce che urla , strepita , scalcia , ribolle , fuoriesce da quel crepuscolo infisso alle pareti di un’anima che ama .

I colori s’incendiano , gli odori si esaltano , le parole irrompono , i gesti stralciano ed io , io , determino questi istanti , follemente irrequieti .

Una sedia che non posso sedere , un cielo che non posso volare , un sole che non posso scaldare , occhi che non posso accecare .

Aride mani che passano oltre le ossa , mani che scelgono e che parlano , come pennelli disegnano sul cuore la forma del tuo sorriso .

Sarai dove sarai , io sono qui .

Piccole saranno le corse che ti serviranno per raggiungermi ; lievi saranno le fatiche .

Un canto che nasce dove la presenza ne segue il ritornello .

Cantiamo , facciamolo insieme , sereno sarà tutto il resto .

@ElyGioia

– Ancora –

Oggi finalmente il tempo s’è deciso a scorrere , in avanti .

L’ha fatto per raggiungere i nostri passi , per farci da cometa durante il nostro cammino .

Sdraiamoci qui dove tutto sembra descrivere ogni nostro pensiero tatuandolo su ciò che ci circonda .

img blog sicilia.JPG

Ciò che si sente è il muoversi dei sogni su di queste altalene , a tratti feroci , veloci , irrefrenabili , a tratti morbide e quiete .

Con un salto ci fanno arrivare fino alla costa del nostro mare , sembra agitato , avrà visto noi ?

Saranno state le piccole creature che lo abitano a comunicarglielo ; d’ altronde il rumore dei nostri sguardi li ha distolti dal loro sfamarsi .

E noi ,di cosa ci sfameremo oggi ?

si , lo so , ci nutriremo di quest’acqua che arriva a pulire le nostre mani rendendole soffici grazie al balsamo che le abbiamo donato .

balsamo che arriva fino a qui , dove ogni cosa che viviamo ferisce ogni spazio buio e lo riempie di odori , colori e suoni .

Ci ritroveremo ancora per mano tra questa natura che respira del nostro ossigeno ; impareremo dagli alberi , nel loro silenzio ad accarezzare il sole , permettendogli di sciogliere ogni nostro lato rimasto ancora inerme.

@ElyGoioia

– Scatti di passaggio –

Non ho mai creduto che per viaggiare serva riempire le proprie valige , prenotare un mezzo di trasporto ed un hotel .

A me basta chiudere gli occhi , mentre girovago per strada , pensando a tutto il bene che l’amore fa alla mia anima .

Perciò lascio qui a terra ogni cosa , io i bagagli li porto al cuore , si , li ho tutto ciò di cui ho davvero bisogno , la tua presenza .

Volteggio in un girotondo , nel sentimento , mi sento quasi cadere ; so che mi sorreggerai e che mi porterai lungo i viali di questo borgo che ha il sapore dolce di quelle parole soffiate tra i miei capelli .

E ci si siederà su tavolini che racconteranno del nostro tutto al sole ; saranno i suoi raggi a non farci spegnere mai .

Mi porterai in vie nascoste all’occhio umano , per accarezzare ogni lussuoso angolo di quell’abbraccio .

E gradino dopo gradino le mani si stringeranno sempre di più , per non perdersi .

Impossibile immaginare cammino più bello di questo ; impossibile è non camminare così con te .

Tu che porti scatti al cuore e che gli dai vita , immortalando ogni nostro momento , rendendolo unico .

@ElyGioia

My Word Award

Anzitutto è doveroso per me ringraziare AnubiPhantom per la stima dimostrata taggandomi in “My Word Award” .

Ero tentennante nel partecipare , lo ammetto molto sinceramente , perché vedo questo mio spazio come una mia piccola isoletta , che pur affacciata e circondata dal mare , si nutre di ciò che ha , lasciando ogni tanto tra un onda e l’altra una bottiglia contenente brevi messaggi nati dal cuore .

Dunque , se ho capito bene dovrò elencare le regole di questo tag e poi rispondere a delle domande .

Regole :

– Rinominare l’autrice del tag

– Rispondere alle 10 domande

– Successivamente passare alla nomina di un’altra/o blogger (insomma , un passare il testimone)

Iniziamo..

1- UN RICORDO IMPROVVISO CHE RAFFIORA NELLA TUA MENTE

Solo uno ? Io che ci vivo , di ricordi ; io che li alimento tra mente e cuore , come posso sceglierne uno ? .

Non ci metto molto a chiudere gli occhi ed a scegliere di parlare di quel momento in cui decisi che era ora d’aumentare il numero della mia famiglia , no , la prole già l’avevo , ma c’era la necessità per me di prendere un piccolo figlio fatto di baffi e peli .

Decisi di farlo andando in uno di quei posti dove ci sono persone meravigliose che si prendono cura di animali abbandonati , cani o gatti che siano , i quali non ne guardano età , apparenza , problematica , ma semplicemente ridonano loro la speranza di avere anche nella loro vita qualcuno che li possa amare .

Ed eccomi che ero li , davanti ad una vastità di miagolii ma camminando, dopo un pò, chiesi al ragazzo che si occupava delle “consegne” quali gattini erano che avevano più bisogno d’essere adottati e lui mi portò davanti ad una cesta all’interno di una gabbia e mi disse ” ecco questi sono stati abbandonati in autostrada , li abbiamo accolti l’altro giorno , sono proprio piccoli ed hanno ancora bisogno di finire lo svezzamento ” .

Io avevo gli occhi sgranati e pieni d’emozione , non mi piaceva avere la possibilità di scegliere , volevo essere scelta io , come potevo prendere un piccolo batuffolo e lasciare gli altri li ? .

Cosi , mi girai , ed all’improvviso sento graffiarmi la gamba destra , eccolo , l’unico a non aver avuto paura nell’ avvicinarsi e l’unico a continuare a miagolare incessantemente ; mi stava chiamando .

Oscar , ecco che da quel giorno ho con me un secondo figlio , potrete non credere ma , gli manca davvero solo la parola , a volte nemmeno quella , capita lo sento sognare la notte , lo sento quasi pronunciare le stesse parole di un bimbo .

Era piccolo piccolo , ora è il principe di casa .

2- Un complimento che hai particolarmente apprezzato in vita tua ..

Ebbene , non sono quel tipo di persona che li cerca , che li pretende , che li chiede ; piuttosto nella mia riservatezza tengo al fatto che le persone a cui tengo abbiamo una buona opinione di me e ce la metto tutta perché sia così .

Non molte settimane fa , dopo il mio guazzare tra dolci parole , nel giardino più bello ci sia al mondo , mi sentii dire : “Sei una donna intelligente” ; in quel preciso momento mi emozionai e pensai che nessuno mai m’avesse detto cosa più bella .

Quando poi i complimenti arrivano da chi serbi nel cuore , be , serve dirlo? È meraviglioso .

3- LA COSA PIÙ IMPORTANTE E DIVERTENTE CHE HAI FATTO DA UBRIACO ..

Non posso proprio rispondere , primo perché non sono mai arrivata a quel punto e secondo credo che non ci sia nulla di divertente nel perdere la propria sobrietà .

4- LA SCALA DI PRIORITÀ CHE TI SEI DATA E SULLA QUALE BASI LA TUA VITA ..

Ecco , tutto ciò che è Amore è al primo posto ed è solo questo il posto sul quale ripongo ogni fondamenta , il cuore .

5- IL TUO SENSO PREFERITO

L’olfatto .

Posso non vedere , non toccare , non ascoltare ma dal momento che posso sentire il profumo di ciò che mi circonda posso immaginare , sognare , percepire , e come per incanto mi sento in grado di vedere pure ad occhi chiusi , sentirmi sfiorare le mani pur non toccando nulla ed ascoltare la musica e la voce che riempie il mio cuore , pur ad orecchie coperte .

Un po come le api , hanno i loro sistemi olfattivi sulle loro antenne , io sulle narici , e sono persino in grado di percepire, solo attraverso questo , la forma degli oggetti ; una goccia di miele per loro ha un odore diverso da una striscia di miele , proprio per questo riescono a lavorare all’interno dei loro bui alveari .

6- UNA PAROLA PREFERITA

Libertà , che solo amando si può vivere e far fruttare in qualcosa di unico .

7- UN SOGNO NEL CASSETTO

Vedere la felicità , sempre , negli occhi di chi amo .

Avere chi amo sempre con me .

Nutrirmi del suo sorriso sul mio .

8- LA COSA CHE PIÙ VI ANNOIA DI UNA PERSONA ..

L’arroganza e la prepotenza .

Due cose che discordano completamente con la sensibilità che mi abita .

9- UNA ESPRESSIONE DIALETTALE DIVERTENTE ..

“O mia bela madunina che te brilet de luntan .. Tuta d’ora e piscinina , ti te dominet Milan , sota a ti se viv la vita , se sta mai coi man in man ..”

10- IN QUESTO PERIODO COSA TI SEI RESA CONTO D’AVER PERSO ..

Perso ? È da un po di mesi che sto acquistando ed acquistando vincendo nuove emozioni , giorno dopo giorno .

Ecco qui , compito svolto .

La mia nomina va a :

Zia Petunia , Diario di una mamma ( Angelo Gabr3 ) e cuoreruotante .

– Seduta –

IMG dal Web

Cosa farò ? Posso sedermi ?

In piedi dedico troppe forze al nulla se non ci sei .

Guasti in quelle domande che non si hanno il coraggio di fare , guasti in quelle ricerche nel vuoto , guasti che non vogliono esistere .

Non camminerò senza le note della tua chitarra , non dirò nulla senza le carezze del tuo fiato .

Starò seduta aspettando i passi che urleranno il tuo nome , lì saprò che stai tornando .

Giro la testa , sei tu di solito a farlo ; la giro , cercando qualche cenno apparente di te .

Premo , le mani sull’asfalto ; cerco tra il suo calore qualche traccia del tuo passaggio .

Sprofondo , in tutto ciò che ho ; affinché ogni cosa di me parli ancora ed ancora di te .

Starò seduta , si .

@ElyGioia

– Si crea ciò che il cuore pensa – @ElyGioia